“Matteo Messina Denaro, l’ultimo padrino di Cosa Nostra”. Su FB si inneggiano le gesta del pezzo di merda

16
“Happy new year”. Firmato Matteo Messina Denaro, con tanto di cuoricini.

È l’ultimo post di una pagina Facebook dedicata al boss di Castelvetrano, latitante dal ’93. “Matteo Messina Denaro, l’ultimo Padrino di Cosa Nostra”, si chiama il profilo seguito da 1226 persone. C’è chi lo ringrazio e chi si rivolge così: “Padrino siete un grande e io ho sparato i fuochi in vostro onore un abbraccio e buon anno 2016 e libertà assoluta e per sempre”. Oppure: “Auguri grande Zio”.

Gli autori della pagina si rivolgono anche alle forze dell’ordine con messaggi non proprio felici: “Auguroni a tutto il corpo dello stato, con un messaggio: Tempo al Tempo. Cunnuiti”. Si va anche oltre: “Sentir cantare il suono del kalashnikov, mi ricorda i bei tempi passati della mia misteriosa gioventù. La stessa fine gliela auguro a tutto il corpo armato dello stato e a tutti i Magistrati. ‘Tempo al Tempo’”, si legge in un post.
La pagina  –  creata nel 2012 – ha suscitato indignazione. Il primo a chiedere l’intervento della magistratura è stata su Facebook l’imprenditrice antiracket Elena Ferraro. Interviene anche il primo cittadino di Castelvetrano, città natale del latitante, Felice Errante. “Sconcerto, indignazione e tristezza nel leggere quale livello di subcultura può ancora serpeggiare nella nostra città. Un manipolo di disadattati, non sono secondo me semplici idioti, non può costringere una comunità sana a dovere replicare a tali nefandezze. Faccio veramente fatica, prima da cittadino, poi da sindaco a comprendere come si possa inneggiare ad un criminale”, dice Errante.

Ma anche sui social non mancano le reazioni di sdegno: “Vergogna”, “ammazzatevi”, “ho segnalato la pagina”, sono alcuni tra i commenti postati nella pagina dedicata a Messina Denaro.

palermo.repubblica.it

16 Commenti
  1. Salvatore Interrante dice

    se in tanti la segnaliamo a fb, potrebbe essere rimossa dagli amministratori del social network

    1. Salvatore Interrante dice

      andate sulla pagina e in alto a destra troverete una rotella, cliccate sopra e poi SEGNALA PAGINA e andate avanti.

    2. Salvatore Interrante dice

      Agente LISA sarà interessata da questa notizia?

  2. Alessandro Giovanni Morgante dice

    Facebook abitazione preferita dagli idioti.

  3. Paola Morgante dice

    segnalate,,ma come e’possibile?

  4. Luca Gangarossa dice

    Come è possibile che esiste do più di un anno, e non è stata chiusa?

  5. Paola Morgante dice

    ho segnalato,,e’una vergogna incredibile,,,

  6. Marco Truffo dice

    Beh.. Se c’è gente che, in caso di elezioni, continuerebbe a votare PD non mi stupisce più nulla.

  7. Veronica Scudieri dice

    Grazie dell’info. Ho segnalato anche io.

  8. Gaetano Bruno dice

    Ho provato a segnalare ma Facebook dice che rispetta gli standard! Mah! Ho riscritto facendo notare che si tratta di una pagina che inneggia ad un mafioso ed assassino!

  9. Enzo Nielfi dice

    ma l’autorità giudiziaria non interviene? che paese stiamo diventando? intercettano tutto e tutti, ma consentono l’apologia della mafia?

  10. Flavio Fiducioso dice

    Ho segnalato la pagina a facebook e finalmente adesso è stata rimossa

  11. Filippo Franchetto dice

    grazie alle nostre segnalazioni, la pagina è stata rimossa!

  12. Dacia Puppo dice

    Siiiiiii rimossa

  13. Mario Galeone dice

    Ma secondo voi Matteo messina denaro quante azioni di facebook (PUO’ COMPRARSI ) con i soldi che taglieggia a tutto il sistema economico ,politico ,industriale, Italiano e mondiale . Secondo me, si puo permettere di sedersi a un tavolo di trattative con lo stato e pretendere di guadagnare piu soldi ,abbassando le buste paga di tutti noi italiani , compresi i suoi paesani che lo ospitano e lo riveriscono .provate a chiederlo a RENZI visto che gli sta’ regalando anche l’ilva ,con la cordata di imprese italiane ,giusto come fece un ometto qualche anno fa’ con la linea di bandiera alitalia..

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Hide picture